venerdì 13 aprile 2018

"Il rosso del cuore". Poesia di Luca Bagatin

Il rosso del cuore
Poesia di Luca Bagatin
Foto di Antonio Rodríguez
Modella: María José Peón Márquez


Quando ti vidi,
per la prima volta sul letto,
in quella stanza
e osservai la morbidezza
della tua pelle abbronzata,
compresi.
Quando ti vidi,
per la prima volta sul letto,
in quella stanza
e osservai la perfezione
delle tue gambe lisce
sensualmente accavallate sul letto,
compresi.
Quando ti vidi,
per la prima volta sul letto,
in quella stanza
e osservai i tuoi occhi profondi nei miei,
il tuo sguardo mi penetrò l'anima.
E compresi.
Quando osservai le tue mani
coprire il tuo seno nudo,
senza malizia,
con quella sensualità che ti è propria,
compresi.
Quando osservai il rosso
della passione
celare il piacere sensuale del tuo corpo,
compresi.
Tu e la stanza,
una cosa sola.
Tu e il letto,
una cosa sola.
Il mio respiro e il tuo.
Le mie mani nelle tue mani.
I nostri sensi si uniscono.
E così i nostri sguardi.
Niente più cela il piacere che ci unisce.
Esso è ormai amore.
Il rosso dell'amore.
Il rosso della vita.
Il rosso del riscatto.
Il rosso del cuore.

Luca Bagatin

domenica 11 marzo 2018

Amore contro decadenza (a "La donna")

"Per Sherlock Holmes ella è sempre "la donna". Raramente ho sentito accennare a lei in altro modo." (da "Uno scandalo in Boemia" di Sir Artur Conan Doyle)

Anche io ho la mia Irene Adler.
Come per Holmes, anche per me rimarrà un rapporto platonico.
Investire nei sentimenti, con i tempi che corrono, può essere fatale.
Non posso rischiare di perdere quel poco di lucidità che mi rimane per pensare.
E pensare, talvolta, è tutto ciò che ci rimane in un mondo folle che, non sapendo amare, non sapendo comprendere, finisce per decadere.


Luca Bagatin


SOGNO
poesia di Luca Bagatin
 
Poesia serale.
Poesia notturna.
Poesia che si posa laddove una rosa
fiorisce sull'urna.
Nell'urna riposa
qualcosa di antico.
Di antico e passato
e per sempre finito.
Ed io son rapito
dal sogno di te.
E ciò che un tempo era amaro,
dolce ora è.


Luca Bagatin 

giovedì 8 marzo 2018

Sull'emancipazione femminile, l'anticapitalismo, la mancanza di comunicazione, la semplicità di essere ciò che si è . Riflessioni di Luca Bagatin

Una donna emancipata non è 
una donna esteriormente sexy o sensuale. La gran parte delle donne riesce ad essere sensuale nella sua semplicità, nella sua quotidianità, nel non voler sembrare a tutti i costi alla moda o come un maschio. C'è una falsa interpretazione di emancipazione, che ha portato ad un femminismo gridato, che nulla ha a che vedere con l'essenza intima delle donne. Per contro c'è una sottovalutazione atavica di molti maschi e di molte donne stesse nei confronti delle potenzialità femminili. Nella Storia abbiamo esempi di emancipazione femminile molto forti. Di donne tutt'altro che mascoline e al contempo tutt'altro che remissive: Anita Garibaldi, Jessie White, Evita Peron e molte altre in tutti i Paesi del mondo.

Perché anni fa ero liberale e oggi sono diventato antiliberale?
Perché ho capito che la "libertà" dei liberali è solo egoismo, odio, prevaricazione, competizione.
Tutti disvalori che non potevo che rifiutare e combattere.
Combattere e rifiutare in nome di cosa ?
Di una parola usata e abusata, ma assai poco praticata: dell'Amore.

Finché non capirete che il nemico è il capitalismo e che tutti gli altri "anti" sono anacronistici e funzionali al sistema, sarà tutto inutile.

Secondo me internet e Facebook impediscono spesso di capire ciò che gli altri scrivono.
Si preferisce l'invettiva inutile, rispetto alla comprensione del proprio interlocutore.
Personalmente rilevo da tempo che c'è troppa sedicente libertà, anche di comunicazione, ma a mancare è proprio la comunicazione.
Quindi vi è unicamente stupidità e schiavitù.
Abolire internet e Facebook non sarebbe forse un dramma.
Le persone, forse, tornerebbero a parlarsi e a capirsi.

Il problema di molta gente che nutre pregiudizi è che ha la puzza sotto il naso e invidia i ricchi.
Personalmente non riesco a invidiare un ricco, ma lo compatisco e penso: poveretto, per rendersi utile nella vita dovrebbe mantenere la comunità!
Idem il colto: o è al servizio della comunità o è un soggetto inutile.
Per questo trovo ricchi e colti inadeguati a governare senza i poveri e gli umili. Che rappresentano la base della democrazia. E ciò sia che la cosa piaccia o che non piaccia.

Ognuno ha il diritto di essere o di non essere ciò che vuole o non vuole essere. Tutto il resto sono chiacchiere da bar.

Luca Bagatin

lunedì 5 marzo 2018

Generazione "Rébellion" (tradotto in italiano e tratto da www.rebellion-sre.fr)

Un paio di mesi fa intervistai Louis Alexandre e Marie Chancel, attivisti dell'Organizzazione Socialista Rivoluzionaria Europea - con sede a Tolosa -  animatori, fra gli altri, della rivista "Rébellion" e  impegnati nel risvegliare le coscienze sfruttate dal capitalismo in Europa e in Francia e altresì occupati nel costruire una nuova alternativa comunitaria e autogestionaria in grado di superare la globalizzazione ed approdare alla democrazia partecipativa e diretta. A questo link l'intervista che feci loro: http://amoreeliberta.blogspot.it/2018/01/per-una-alternativa-socialista.html).

In questi giorni stanno ricominciando le attività degli amici e compagni militanti di "Rébellion" e desidero dunque riportare, di seguito, l'intervento di Louis Alexandre, tradotto in lingua italiana e tratto dal sito web della rivista stessa.

Luca Bagatin


La rinascita delle attività militanti di "Rébellion" non è una coincidenza. La vittoria di Emmanuel Macron ci impone di reagire e dare un nuovo slancio alle nostre ragioni. A quasi 15 anni dalla nascita della rivista, dovevamo anche dare un senso al nostro impegno. Non siamo solo una rivista, ma una comunità di lotta. Lo spirito di "Rébellion" è uno spirito di lotta e generosità. Combattiamo felicemente per un ideale che è l'espressione dei più alti valori europei. Vogliamo trasmettere questo spirito alla nuova generazione.

In una conferenza congiunta a Tolosa con Pierre de Brague, uno dei più dinamici animatori di Egalité et Réconciliation, abbiamo voluto fare appello ai patrioti anti-liberali per una unità di resistenza al Nuovo Ordine Macroniano. Riportiamo qui il testo dell'intervento di Louis Alexandre, redattore capo della nostra rivista.


Tutti avranno notato che i mesi successivi all'elezione di Emmanuel Macron sono stati molto deprimenti. La sua vittoria sembrò rimuovere ogni opposizione, un vento di disperazione soffiò sulla Francia e sull'Europa.

Questa situazione non lascia molte scelte per le persone che sono venute a conoscenza di problemi attuali.

Potete scegliere di arrendervi e rassegnarvi. Fermarvi in quello che chiamo nichilisticamente "Io me ne fotto", e dichiarare: "qual è il punto, i francesi sono vitelli". Potete persino costruire pose di grande spirito, castigando sulla rete la decadenza morale e il declino del coraggio dei vostri contemporanei, comodamente accasciati davanti al vostro pc. È una scelta, di vigliaccheria e stupidità arrogante.

Ma se abbiamo mantenuto un po 'di forza, coraggio, coraggio e intelligenza, vogliamo fare qualcosa di diverso dal guardare il caos progredire, dobbiamo agire senza ingenuità o troppo idealismo. Come Gramsci dobbiamo essere "pessimisti dall'intelligenza, ottimisti per volontà". Vale a dire, più semplicemente, affidarsi solo a noi e alle nostre forze per cercare di invertire la corsa verso il vuoto della nostra Europa.

Ciò implica tenere conto di un fatto fondamentale: la parte umana che abbiamo in noi. Se il sistema cerca di sedurre gli istinti più bassi (l'invidia, la lussuria ...) dobbiamo elevare le nostre capacità per creare il bene, il bello e il vero nella nostra lotta. Per gli altri, ma soprattutto attraverso noi stessi.
La "rivoluzione interiore" non è un programma, è il punto di partenza di tutto il nostro approccio. Siamo esemplari per servire da esempio.
Perché solo un tipo specifico di individuo ha la capacità di fare la Storia: uno che sa adattarsi senza rinnegare se stesso, che ha un forte orientamento interiore che gli permette di respingere il mondo moderno lontano da lui (specialmente se deve essere costretto a usare alcuni mezzi o aspetti per trionfare).

Detto questo, torniamo alla grande domanda: "Che fare? ", refrain dei grandi momenti della Storia. Questo è un segno che i vecchi punti di riferimento non possono più essere utilizzati e che le soluzioni sono urgentemente necessarie. Ogni epoca ha richiesto diverse soluzioni; soprattutto, non dobbiamo riprodurre un modello obsoleto in un nuovo contesto, ma imparare dal passato e trovare alcune risposte nel presente.

Più di cento anni fa, un certo Vladimir Lenin ha scritto un piccolo opuscolo intitolato "Che fare?" il cui sottotitolo era "Temi scottanti del nostro movimento". Questo testo spiegava alle poche decine di rivoluzionari russi del tempo che passarono dal fallimento al fallimento, che era necessario liberarsi di riformisti e terroristi per realizzare un vero partito rivoluzionario, organizzato e centralizzato. Questo testo fu ampiamente compreso e permise ai bolscevichi di prendere il potere quando la situazione favorevole sorse nel 1917.

Al momento le cose sono ovviamente cambiate, le parti e i grandi centri sindacali sono strutture puramente elettoralistiche e opportunistiche, che cercano di soffocare qualsiasi iniziativa proveniente dalle loro basi.

Dobbiamo trovare un altro modello. E qui torniamo alla parte concreta del mio modesto intervento. Quasi un anno dopo l'inizio della macchina da guerra Macron, come organizzare la risposta al suo dominio? E soprattutto, come creare un'alternativa al sistema che incarna?

L'opposizione parlamentare non è in grado di fermarlo nella sua marcia. Complici o deplorevoli, nulla ci si può aspttare da questi professionisti di vigliaccheria e appropriazione indebita della rabbia popolare. Chiaramente, la France Insoumise e il Front National sono gli attori di questa sciarada. Quindi dobbiamo allontanare da noi questa tentazione riformista, che potrebbe farci credere che il gioco elettorale sia capace di cambiare qualcosa ed essere risolutamente antiparlamentari, perché la vera espressione di una comunità popolare non passa attraverso le elezioni. Cerchiamo di superare le urne per trovare nella lotta la vera espressione della nostra volontà collettiva. Allo stesso non lasciamoci piegare dal gioco malsano dei provocatori di tutte le tendenze.

Gli uomini e le donne di valore che crescono in Europa sono ancora una minoranza. La maggioranza è per il momento neutrale per indifferenza o ignoranza. Ciò non dovrebbe essere disprezzato, anche se è sbagliato. Il disprezzo per la gente è il marchio dell'oligarchia, dobbiamo invece
amare la nostra gente per farla crescere.

Vogliamo riunire persone che vogliono essere autonome, radicate e libere; che vogliono partecipare a una comunità locale e nazionale con
valori di solidarietà specifici per il più antico patrimonio europeo; chi rifiuta l'alienazione e lo sfruttamento e chi vuole una vita piena di significato.

Non è più rinchiuso nelle false fenditure, questo nuovo movimento ha molte facce. Agisce spontaneamente in tutta la Francia sulla sua scala. Oggi è concreto e costruttivo, domani sarà l'unica alternativa credibile se gli diamo la forza.

Stasera, vedo che questo movimento è presente in questa stanza. Questo movimento sei tu che lo vesti e lo incarni.

Costruiremo insieme un equilibrio di forze che consentirà la rinascita del nostro Paese su nuove basi. Dobbiamo costruire una forte federazione per questo, mettendo in comune le nostre competenze. Ognuno con i suoi mezzi, dobbiamo contribuire a proporre idee e azioni concrete. Dobbiamo imparare e trasmetterle nella nostra comunità.

L'obiettivo immediato è mettere radici nella Francia periferica. Lo Stato si sta completamente disimpegnando da vaste aree del nostro territorio, dobbiamo sostenere l'appropriazione della loro amministrazione da parte delle popolazioni lasciate ai margini. Difendi la Francia popolare e radicata! L'importante è creare il massimo dell'azione in modo che le nostre idee possano essere incorporate. Non cerchiamo la rivoluzione, viviamola come un'avventura ora!

Noi siamo la Francia ribelle! Abbiamo un ruolo di risvegliatori, e ciò è diretto a tutti coloro i quali si riconoscono in questa espressione, per farla vivere e crescere.

Louis Alexandre

In memoria di Hugo Chavez (28 luglio 1954 - 5 marzo 2013), il Presidente degli umili e degli oppressi




sabato 3 marzo 2018

L'assurdità dell'elettoralismo nelle parole Henry David Thoreau

"Ogni votazione è una sorta di gioco d'azzardo, come la dama o il "backgammon", con una lieve sfumatura morale, un gioco con il giusto e l'ingiusto, con le questioni morali; e naturalmente le scommesse lo accompagnano. Il buon nome dei votanti non è in discussione. Può darsi che io dia il mio voto in base a ciò che considero giusto; ma non è per me vitale che il giusto prevalga. Sono disponibile a lasciare ciò alla maggioranza. L'impegno del voto, dunque, non va mai oltre quello della convenienza. Persino votare per il giusto è un non fare niente per esso. Significa solo manifestare debolmente agli uomini il desiderio che il giusto debba prevalere. Un uomo saggio non lascerà il giusto alla mercé del caso, né desidererà che esso prevalga mediante il potere della maggioranza"

(Henry David Thoreau)

lunedì 26 febbraio 2018

"Il pensiero dell'Amore". Poesia di Luca Bagatin

Il pensiero dell'Amore
Poesia di Luca Bagatin
Foto di Antonio Rodríguez
Modella: María José Peón Márquez

Notte,
due candele a illuminare la sabbia.
Tu, rischiarata dalla luna.
Tu, bellezza spagnola,
bellezza latina.
Sorridi ad occhi socchiusi
lasciando andare le tue braccia,
cullata dalla spiaggia.
Il tuo corpo
sembra danzare
lasciandosi anch'esso andare.
Lo noto dal tuo ventre,
dalle tue aggraziate e sinuose gambe nude,
che il mio sguardo accarezza
nella notturna brezza.
La tua danza
richiama il mio amore.
La tua danza
diffonde il tuo sensuale odore.
La tua danza
ora è la nostra danza.
La danza dei perduti sensi.
Momenti intensi
rivissuti al mattino, mentre tu,
di nero elegantemente rivestita
mi guardi e taci
sensualmente seduta
sensualmente rapita.
Il tuo nudo petto
s'intravvede appena.
Le tue coscie nude,
le tue gambe rivestite
con eleganti calze di seta.
Vaghiamo senza una meta.
Fra la spiaggia e il sogno.
Fra la terra e il cielo.
Fra il desiderio e il cuore.
E' il pensiero.
Il pensiero dell'Amore.

Luca Bagatin